domenica , 15 Dicembre 2019
7 consigli prima di comprare una casa

Le 7 cose di cui ti devi ricordare quando compri una casa

Ci sono 7 punti che è sempre bene tenere a mente prima di effettuare l’acquisto di una casa, oggi li vediamo assieme!

N°1: Le vostre personali verifiche preliminari

Acquistare una casa rappresenta un investimento di non poco conto, ed è anche un sogno che si realizza, sarebbe spiacevole quindi, basarsi su qualcosa che non si è visto di persona, perché magari la descrizione che vi viene fatta può non corrispondere a verità.

L’acquisto di una casa è per molte persone un passo di particolare importanza, sia sul piano economico sia per l’impegno di lungo periodo che tale acquisto comporta, ma c’è anche in tutto questo, il simbolo che una nuova casa rappresenta, simbolo di autonomia ed indipendenza.

Si comprende che l’attenzione al dettaglio non può mancare per un investimento sul futuro come lo è quello di un acquisto di casa.

Ma cosa c’è da valutare in una verifica preliminare?

i dettagli di tutti gli aspetti sostanzialmente, e in tal senso dovrete osservare:

  1. Le questioni tecniche e amministrative
  2. La casa stessa

N°2: L’affiancamento a professionisti del settore

In questa prima fase con molta probabilità verrete affiancati dall’agenzia di mediazione immobiliare, questa professionalità va ad incrociare domanda e offerta, così da essere in grado di soddisfare un ampio spettro di esigenze, inoltre l’agenzia immobiliare accompagna l’acquirente per l’intero percorso di acquisto, fino alla stipula del contratto preliminare.

N°3: La trattativa tra le parti

La seconda fase, ma anche il secondo punto a cui fare riferimento in questo genere di trattativa così importante è quello di trovare il giusto compromesso che non scontenti acquirente e venditore.

La compravendita di una casa viene infatti decisa alla fine di un iter che prevede un periodo precontrattuale.

Durante questo periodo acquirente e venditore, devono effettuare diversi atti preparatori che permettano di concludere il contratto definitivo di compravendita, per cui il trasferimento della proprietà o di un altro diritto reale, in cambio di un compenso.

L’acquirente dovrebbe in questa fase, rivolgersi ad un Notaio, così che tutti i controlli che possono essere effettuati per verificare che tutto sia come deve essere, vengano accuratamente valutati da un esperto in materia.

Ci sono altre figure professionali che possono intervenire in questa fase?

Ce ne sono molte:

  1. Ingegnere o architetto: Entrambe queste professionalità vengono contattate per comprendere la regolarità catastale ed urbanistica del bene che si va ad acquistare
  2. Un commercialista: Questa figura occorre all’acquirente per accertarsi anticipatamente di quali tasse e agevolazioni fiscali può essere gravato
  3. Un avvocato: Qualora sulla casa vi fossero ipoteche, pignoramenti o cause che riguardano l’immobile
  4. La banca che segue la trattativa: In questo caso questo agente scelto dall’acquirente, può essere contattato per la richiesta eventuale di finanziamenti e mutui spendibili per l’acquisto dell’immobile.

4: Consapevolezza sulle persone coinvolte nella compravendita

Il quarto punto da osservare è quello che riguarda la verifica delle persone coinvolte nel contratto di acquisto e vendita, a questo punto voi che state leggendo penserete che questo compito spetta al Notaio, e in effetti è vero ma conta anche che ne veniate prontamente informati per avere un quadro generale sulla situazione e sull’immobile che state acquistando.

Ad esempio una volta che il Notaio accerta che colui o colei che sta vendendo la casa che voi acquisterete ne è effettivamente proprietario e che questa persona sia in grado di intendere e di volere o sia affiancata da un tutore che ne fa le veci, avrete delle informazioni importanti che vi permetteranno di effettuare un acquisto senza rischi e senza alcuna sorpresa negativa, sul lungo periodo.

Scopri le case che abbiamo in vendita

Rispetto al tema della consapevolezza c’è un altro aspetto di cui dovete tenere conto.

Le trattative preliminari, non costituiscono un obbligo di acquisto.

Molte persone dopo aver effettuato le verifiche, aver accumulato informazioni utili, si sentono spinte ad effettuare un acquisto pur non avendone voglia o avendo critiche sulle quali sarebbero indisponibili a trattare, ricordatevi che nessuno può esercitare coercizione nei vostri riguardi, e che questa trattativa vi permette invece qualora aveste subito un torto, di fare domanda per un risarcimento dei danni causati dal comportamento poco corretto della controparte che magari può aver mentito per assicurarsi la vendita.

5: Il controllo della documentazione necessaria all’acquisto

Quando si sta per acquistare o si intende acquistare una casa, una parte delle cose da fare preventivamente è quella di controllare una serie di documenti prima di procedere alla firma della stipula, ecco qual’è la documentazione che occorre visionare:

Provenienza e proprietà dell’immobile

Eventuale presenza di una donazione

Eventuale presenza di ipoteche che possono gravare sull’immobile

Eventuale presenza di convenzioni

Pignoramenti

Condizione urbanistica e catastale

La conformità giuridica di un immobile

La conformità a livello giuridico, è di particolare importanza e questa è sottoposta al certificato di regolarità urbanistica che sia in grado di dichiarare la conformità dell’abitazione o dello stabile che andrete ad acquistare a quanto depositato nei pubblici registri.

Se qualcosa non risulta in regola, è il venditore che dovrà premurarsi di provvedere a sanare e ripristinare la regolarità dell’immobile, dovrà anche aggiornare al catasto l’immobile dopo aver apportato le modifiche necessarie ed evidenziate.

In questo caso conviene chiedere al venditore :

  1. Una copia dei titoli abilitativi edilizi e di eventuali condoni
  2. Il certificato di agibilità qualora sia stato rilasciato

Nella documentazione che dovrete richiedere proseguiamo l’elenco con l’ultimo punto, quello che riguarda il regolamento condominiale e eventuali oneri qualora ci fossero.

N°6: Presa visione degli impianti e delle certificazioni di conformità

Un altra cosa che dovete sapere riguarda il comportamento del venditore, quest’ultimo ha l’obbligo per legge di dichiarare lo stato reale degli impianti che sussistono all’interno della struttura che ha scelto di mettere in vendita.

Qualora gli impianti non fossero a norma deve dichiarare la verità su tale condizione.

Invece se gli impianti risultano a norma voi acquirenti potete fare richiesta della documentazione che attesta la regolarità degli impianti stessi.

N°7: L’aspetto che riguarda la Prestazione Energetica

In conclusione, un altra documentazione e presa visione da parte dell’acquirente riguarda un documento che viene redatto da un tecnico abilitato dalla Regione, definito come APE.

Scopri le case che abbiamo in vendita

L’APE attesta la classe energetica di appartenenza, e questa dichiarazione viene successivamente inserita all’interno dell’atto di compravendita.

About Erika

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *